Borse caute. Piazza Affari corre sola

(Teleborsa) – Finale positivo per Piazza Affari spinta dagli acquisti sui titoli petroliferi grazie al rally del prezzo del greggio. Contesto negativo, invece, tra le altre piazze europee che seguono l’andamento contrastato di Wall Street nonostante a marzo l’indice PMIi per l’Eurozona abbia segnalato un ritorno alla crescita dell’attività delle imprese per le prima volta in sei mesi.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,13%. L’Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,47%. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un guadagno del 5,32%.


Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +95 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,59%.

Nello scenario borsistico europeo piccola perdita per Francoforte, che scambia con un -0,35%, piccoli passi in avanti per Londra, che segna un incremento marginale dello 0,20%. Andamento cauto per Parigi, che mostra una performance pari a +0,03%. Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,39%; sulla stessa linea, lieve aumento per il FTSE Italia All-Share, che si porta a 26.363 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti utility (+2,43%), media (+1,95%) e tecnologia (+1,37%).

Nella parte bassa della classifica del listino azionario italiano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti telecomunicazioni (-4,77%), bancario (-2,02%) e servizi finanziari (-2,02%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, brilla Tenaris, con un forte incremento (+3,72%).

Ottima performance per Saipem, che registra un progresso del 3,04%.

Exploit di ENI, che mostra un rialzo del 2,67%.

Su di giri Nexi (+2,6%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Leonardo -6,09% dopo l’annuncio del rinvio della quotazione di DRS.

In caduta libera Amplifon, che affonda del 3,98%.

Sotto pressione Ferrari, con un forte ribasso dell’1,71%.

Soffre Fineco, che evidenzia una perdita dell’1,34%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Biesse (+4,74%), Saras (+2,67%), Webuild (+2,56%) e Banca Popolare di Sondrio (+2,29%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Mediaset, che ottiene -3,06%.

Preda dei venditori Piaggio, con un decremento del 2,00%.

Si concentrano le vendite su Tod’s, che soffre un calo dell’1,95%.

Vendite su Esprinet, che registra un ribasso dell’1,69%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse caute. Piazza Affari corre sola