Borse caute aspettano occupati USA. Milano sale con rimbalzo banche

(Teleborsa) – Le principali borse europee tagliano il traguardo di metà seduta confermando la cautela dell’avvio in attesa del dato mensile sugli occupati statunitensi che potrebbe fornire indizi sulle prossime mosse di politica monetaria della Federal Reserve. L’aumento maggiore del previsto delle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali ha spinto gli investitori a ritenere che la banca centrale americana possa rallentare il suo ciclo di stretta monetaria aggressiva. La piazza di Milano mostra una timida salita grazie soprattutto al tentativo di rimbalzo dei titoli bancari.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 0,9797. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.708,8 dollari l’oncia. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dell’1,02%, dopo la mossa dell’OPEC+.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +244 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 4,60%.

Tra gli indici di Eurolandia Francoforte è stabile, riportando un moderato -0,08%, andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a +0,16%; poco mosso Parigi, che mostra un +0,08%. Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,29%; sulla stessa linea, lieve aumento per il FTSE Italia All-Share, che si porta a 23.050 punti.
In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Leonardo (+3,91%), Amplifon (+2,32%), Hera (+2,31%) e Campari (+2,07%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su STMicroelectronics, che prosegue le contrattazioni a -2,42%.

Sotto pressione Moncler, che accusa un calo dell’1,25%.

Tentenna Saipem, con un modesto ribasso dello 0,74%.

Giornata fiacca per Nexi, che segna un calo dello 0,73%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Maire Tecnimont (+3,76%), Sanlorenzo (+3,59%), Caltagirone SpA (+3,33%) e Seco (+2,17%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Cementir Holding, che continua la seduta con -2,16%.

Scivola Zignago Vetro, con un netto svantaggio dell’1,56%.

In rosso Ferragamo, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,41%.

Spicca la prestazione negativa di Webuild, che scende dell’1,33%.

Tra gli appuntamenti macroeconomici che avranno la maggiore influenza sull’andamento dei mercati:

Venerdì 07/10/2022
01:30 Giappone: Spese reali famiglie, mensile (atteso 0,2%; preced. -1,4%)
08:00 Germania: Produzione industriale, mensile (atteso -0,5%; preced. -0,3%)
08:00 Germania: Vendite dettaglio, mensile (atteso -1,1%; preced. 0,7%)
08:00 Germania: Vendite dettaglio, annuale (atteso -4,3%; preced. -2,6%)
08:45 Francia: Partite correnti (preced. -5,3 Mld Euro).