Borse asiatiche senza direzione. Focus sul viaggio di Trump

(Teleborsa) – Avvio di ottava senza direzione per le principali Borse asiatiche.

A Tokyo l’indice Nikkei ha chiuso sulla parità a 22.584 punti così come il più ampio Topix, che si ferma a 1.792 punti. Entrambi gli indici si sono risollevati dai minimi in scia al calo dello yen, precipitato sui minimi da marzo dopo che il Governatore della Bank of Japan ha dichiarato che l’inflazione deve assolutamente tornare sopra il 2%, lasciando intendere che la Banca Centrale nipponica non ha intenzione di procedere con strette monetarie nell’immediato periodo.

Focus sulle Borse cinesi dopo che il numero della People’s Bank of China ha lanciato un allarme sull’elevato indebitamento di imprese e famiglie.
Nonostante ciò, Shanghai conserva un rialzo dello 0,32% mentre Shenzhen è balzata dell’1%.

Deboli Seul -0,33% e Taiwan -0,13%.

Tra i listini che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, in deciso calo Hong Kong -1,04%, debole Singapore -0,10%. Guadagni frazionali per Kuala Lumpur +0,11% e Jakarta +0,23%, sui livelli della vigilia Bangkok.

Tiene Mumbay (+0,15%), limature per Sydney -0,10%.

In questi giorni tutta la regione sarà osservata speciale per via del viaggio in Asia di Donald Trump. Il Presidente degli Stati Uniti visiterà cinque Stati.

Borse asiatiche senza direzione. Focus sul viaggio di Trump