Borse asiatiche riflessive in sintonia con Wall Street

(Teleborsa) – Giornata poco mossa per le principali borse asiatiche dopo il finale cauto di Wall Street. Riflettori puntati sul rialzo del petrolio a seguito della decisione del presidente americano Trump di isolare l’Iran: il prezzo del greggio è volato sui massimi degli ultimi 6 mesi.

A Tokyo, l’indice Nikkei ha terminato le contrattazioni con un +0,04% a 22.226 punti, mentre il Topix con un +0,22%. Segno più per la borsa di Seoul +0,18%.

In rosso le borse cinesi, con Shanghai che arretra dello 0,19% e Shenzhen dello 0,66%, mentre viaggia in netta controtendenza Taiwan che guadagna lo 0,35%.

Tentennano le altre borse che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, con Hong Kong che consolida le basi precedenti e Singapore che lima lo 0,16%, mentre appaiono più stabili Bangkok +0,22%, Kuala Lumpur +0,19% e Jakarta +0,69%

Tiene Mumbay (+0,17%), mentre fa meglio Sydney (+0,98%).

Borse asiatiche riflessive in sintonia con Wall Street