Borse asiatiche in rosso. Tokyo sconta anche il dato sulla produzione

(Teleborsa) – Giornata no per i mercati asiatici, soprattutto per la borsa giapponese, che accusa anche il pessimo dato sulla produzione industriale, scesa a gennaio più delle attese del 6,6%.

Più in generale le borse dell’area Asia-Pacifico scontano la performance negativa di Wall Street, dopo le sollecitazioni del membro della Fed, Jerome Powell, che ha confermato la prospettiva di progressivi aumenti dei tassi USA.

A Tokyo l’indice Nikkei ha così ceduto l’1,44% a 22.068 punti, mentre il Topix perde l’1,52% a 1.113 punti. Male Seul che chiude gli scambi con un calo dell’1,17%.

Incerte le borse cinesi con Shanghai che arretra dell’1%, mentre Shenzhen si ferma sulla parità (+0,13%) e Taiwan cede lo 0,20%.

Si muovono prevalentemente in rosso le altre borse asiatiche, che chiuderanno più tardi le contrattazioni: Hong Kong registra un decremento dell’1,56%, Singapore dello 0,36% e Kuala Lumpur dello 0,54%, mentre Jakarta si ferma sulla parità (+0,01%) e Bangkok sale di un modesto 0,34%. Deboli le borse di Mumbay (-0,46%) e Sydney (-0,68%).

Borse asiatiche in rosso. Tokyo sconta anche il dato sulla produz...