Borse asiatiche in pausa di riflessione dopo i rialzi della vigilia

(Teleborsa) – Prevalgono le vendite sui principali listini asiatici, vittime di qualche presa di profitto dopo le corse della vigilia ma anche dell’inversione di rotta del petrolio.

I prezzi del greggio hanno ripreso a scendere dopo un breve rally sostenuto dal rapporto sui pozzi attivi negli Stati Uniti e dal report di medio termine dell’International Energy Agency. L’ente con sede a Parigi si attende un rallentamento della crescita delle forniture globali, anche se i prezzi non dovrebbero risalire in modo significativo fino al 2017.

A prevalere oggi è invece il pessimismo per il fatto che non tutti i grandi produttori di oro nero sono d’accordo su un taglio alla produzione, visto come la misura più efficace per fermare il crollo delle quotazioni petrolifere.

A Tokyo l’indice Nikkei ha chiuso in flessione dello 0,37% a 16.052 punti, mentre il più ampio indice Topix ha lasciato sul terreno lo 0,68% a 1.219 punti.

Tra le altre piazze chiuse, debole Seul -0,11%, poco sopra la parità Taiwan +0,10%.

Male le borse cinesi dopo i recenti rialzi innescati dagli ennesimi stimoli annunciati dalla Banca Centrale, con una massiccia iniezione di liquidità. Shanghai cede l’1,50%, Shenzhen l’1,30%.

Fra gli altri mercati, in rosso Hong Kong che perde lo 0,49% e Jakarta -0,70%. Segno più per Singapore +0,54%, Kuala Lumpur +0,53% e Bangkok +0,72%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse asiatiche in pausa di riflessione dopo i rialzi della vigilia