Borse asiatiche in ordine sparso

(Teleborsa) – Seduta all’insegna della debolezza per i principali listini asiatici con la borsa di Tokyo che tenta un parziale recupero dopo quattro ribassi consecutivi. Gli investitori sperano in segnali incoraggianti dalle trattative sul commercio internazionale tra Cina e Stati Uniti. Tra gli altri mercati d’estremo oriente, la piazza di Sydney ha chiuso in rialzo dopo che la Reserve Bank of Australia ha tagliato i tassi di interesse al minimo record di 1,25%. Si tratta del primo taglio dal 2016.

A Tokyo, l’indice Nikkei ha limato lo 0,12% a 20.386,96 punti, mentre il Topix è scivolato a 961,83 punti (-0,27%). Seoul -0,08%.

Giù le borse cinesi, con Shanghai che cede lo 0,77% e Shenzhen lo 0,88%. Nel mese di maggio l’indice PMI manifatturiero della Cina stilato congiuntamente da Caixin e Markit si è attestato a 50,2 punti meglio dei 50 punti attesi. Taiwan -0,66%.

Giù anche le altre borse che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, con Hong Kong che scende dello 0,43%, Singapore guadagna lo 0,48% e Kuala Lumpur perde lo 0,68%. Bangkok +0,73%. Chiusa ancora la borsa di Jakarta.

Negativa Mumbay (+0,30%), mentre Sydney sale dello 0,08%).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse asiatiche in ordine sparso