Borse asiatiche in ordine sparso

(Teleborsa) – Finale a due velocità per le principali borse asiatiche, da un lato galvanizzate ancora dalla decisione della Bank of Japan, la settimana scorsa, di portare il tasso sui depositi in negativo per risollevare l’anemica economia del Giappone, dall’altro colpite dal dato debole sul settore manifatturiero cinese che ancora ha evidenziato le difficoltà in cui versa l’economia di Pechino.

A Tokyo l’indice Nikkei ha chiuso in rialzo del 2% a 17.865,23 punti mettendo a segno la migliore seduta dal 6 gennaio. Il più ampio Topix ha guadagnato il 2,1% a 1.462,67 punti.

Tra i mercati già chiusi, Seul ha registrato un progresso dello 0,40%, Taiwan dello 0,14%.

Tra le Borse ancora in contrattazione, invece, Shanghai cede l’1,78%, Hong Kong lo 0,65% e Singapore dello 0,62%. Kuala Lumpur arretra del 2,04% e Jakarta dello 0,88%. Limature per Bangkok -0,08%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse asiatiche in ordine sparso