Borse asiatiche in negativo dopo le nuove tensioni USA-Corea del Nord

(Teleborsa) – Seduta da dimenticare per i mercati asiatici, con la Borsa di Tokyo chiude in rosso sul riaccendersi delle tensioni geopolitiche. Il Ministro degli esteri della Corea del Nord ha detto che il regime di Pyongyang potrebbe condurre un test con la bomba ad idrogeno nell’oceano Pacifico, in risposta alle minacce di distruzione totale di Trump.

Ma non è l’unica pessima notizia per gli indici in estremo oriente: ieri infatti S&P ha ha tagliato il merito di credito della Cina e di Hong Kong.

A Tokyo l’indice Nikkei ha così ceduto lo 0,22% a 20.301 punti, in linea con la variazione del Topix (fermo a 1.281 punti). Seul chiude gli scambi con un decremento dello 0,79%.

Male le borse cinesi: Shanghai perde lo 0,33% e Shenzhen lo 0,34%, mentre Taiwan fa peggio con un tonfo dell’1,22%.

Deboli le altre borse che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong che registra un decremento dello 0,85% e Bangkok dello 0,73%, mentre Singapore è ferma al palo e Kuala Lampur scende dello 0,15%. Piatta la borse di Jakarta (-0,03%), mentre Mumbay è negativa (-0,92%).

Unico dato positivo dall’Australia, con la borsa di Sydney che guadagna lo 0,47%

Borse asiatiche in negativo dopo le nuove tensioni USA-Corea del ...