Borse asiatiche in forte calo in scia a Wall Street

(Teleborsa) – Forti vendite sull’azionario asiatico, che si intona all’andamento negativo di Wall Street dove l’indice S&P500 ha messo a segno una delle peggiori sessioni degli ultimi sei mesi.

A trainare al ribasso l’ennesimo calo del settore tecnologico e qualche presa di profitto, mentre resta alta la volatilità dovuta all’incertezza sulle prossime mosse di politica monetaria in Europa e Stati Uniti.

Da rilevare una certa cautela in vista della diffusione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti prevista pomeriggio, un indicatore monitorato con molta attenzione dalla Federal Reserve. Gli analisti stimano un rallentamento.

Intanto i prezzi al consumo “core” in Giappone sono saliti per il quinto mese consecutivo, anche se l’inflazione resta ben lontana dal target del 2% della Bank of Japan, mentre il PMI manifatturiero cinese ha confermato l’attuale momento positivo del Dragone.

Alla Borsa di Tokyo, l’indice Nikkei ha chiuso in calo dell’1,22% a 19.973 punti, mentre il Topix ha segnato un ribasso dell’1,03% a 1.240 punti. Limature per Seul (-0,31%).

Piatte le borse cinesi con Shanghai e Shenzhen sui livelli della vigilia, debole Taiwan -0,26%.

In rosso le altre borse che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong che arretra dello 0,70%, Kuala Lumpur dello 0,15%, Mumbay dello 0,12%, Singapore dello 0,76%. Giù Sydney -1,52%, sui livelli precedenti Bangkok lo 0,22% mentre Jakarta viaggia in controtrend con un rialzo dello 0,19%.

Borse asiatiche in forte calo in scia a Wall Street
Borse asiatiche in forte calo in scia a Wall Street