Borse asiatiche e petrolio in rally

(Teleborsa) – I mercati asiatici tornano a salire, in scia al rally dei prezzi del petrolio dopo il “ni” dell’Iran al congelamento della produzione di petrolio. Teheran ha detto che appoggerà l’Opec per mantenere i prezzi del greggio stabili, ma non ha precisato se congelerà il proprio output. A dare linfa i listini asiatici hanno contribuito anche alcuni dati economici statunitensi.

In particolare, l’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha guadagnato il 2,3% a 16.196,80 punti mentre il più ampio Topix ha portato a casa un rialzo del 2,3% a 1.311,20 punti. Tra le altre piazze chiuse, sale Seul del 2,40% e Taiwan dell’1,22%. 

Proseguono in rialzo le borse cinesi, grazie agli ennesimi stimoli annunciati dalla banca centrale, con una massiccia iniezione di liquidità. Intanto l’inflazione in Cina è cresciuta, ma meno del previsto. Shanghai lima lo 0,16%. 

Fra gli altri mercati che hanno trattato, Hong Kong avanza del 2,41%, Singapore l’1,80%, Bangkok lo 0,89% e Sydney il 2,25% nonostante la salita a sorpresa della disoccupazione, nel mese di gennaio. Tengono anche Kuala Lumpur che recupera lo 0,79% e Jakarta lo 0,48%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse asiatiche e petrolio in rally