Borse al palo sui timori di frenata dell’economia. Piazza Affari giù con le banche

(Teleborsa) – Giornata difficile per Piazza Affari e le altre borse europee, che chiudono in rosso, sui timori di una frenata dell’economia globale e di un dissesto del settore bancario. 

A pesare sulle borse hanno contribuito oggi il deludente dato dello ZEW, relativo al sentiment economico in Germania ed Eurozona, ed il taglio delle stime dell’FMI, entrambi incorporando gli effetti della Brexit.

Sessione debole per sull’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,57%. L’Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,28%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la seduta poco sotto la parità con una variazione negativa dello 0,62%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 127 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,24%.

Tra gli indici di Eurolandia, sotto pressione Francoforte, con un forte ribasso dello 0,81%, migliore tenuta per Londra, che resta incollata sui livelli della vigilia, discesa modesta per Parigi, che cede un piccolo -0,63%.

Prevale la cautela in chiusura a Piazza Affari, con il FTSE MIB che archivia la seduta con un leggero calo dello 0,53%; sulla stessa linea, in lieve calo il FTSE Italia All-Share, che archivia la giornata sotto la parità a 18.284 punti. In frazionale calo il FTSE Italia Mid Cap (-0,24%), come il FTSE Italia Star (-0,5%).

A Piazza Affari il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,86 miliardi di euro, in calo del 10,70%, rispetto ai 2,08 miliardi della vigilia; per quanto concerne i volumi, questi si sono attestati a 0,93 miliardi di azioni, rispetto ai 1 miliardi precedenti.

A fronte dei 211 titoli trattati sulla piazza milanese, 130 azioni hanno chiuso in calo, mentre 62 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 19 azioni del listino italiano.

In buona evidenza a Milano i comparti Sanitario (+1,75%), Viaggi e intrattenimento (+0,96%) e Vendite al dettaglio (+0,64%). Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti Media (-1,70%), Automotive (-1,55%) e Assicurativi (-1,04%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono Saipem (+2,02%), Recordati (+1,91%), YOOX NET-A-PORTER (+1,12%) e Mediolanum (+0,55%).

Fiat Chrysler Automobiles resta ferma al “pit-stop”, chiudendo in calo del 3,39%. La società ha reso noto ieri che “presterà piena collaborazione” alle indagini avviate dalle autorità statunitensi sulle modalità di comunicazione dei dati di vendita.

In apnea le banche, specie quelle più fragili, come Banca MPS che arretra del 3,29%. Tonfo di UnipolSai, che mostra una caduta del 2,21% e Unipol, che registra un importante calo del 2,18%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borse al palo sui timori di frenata dell’economia. Piazza Affari...