Borse a picco deluse da Draghi. L’Euro spicca il volo

(Teleborsa) – Girano nettamente al ribasso le borse europee assieme a Piazza Affari, portandosi sui minimi di giornata. E’ l’effetto della delusione delle misure annunciate da Mario Draghi, nella conferenza stampa che è seguita alla riunione della BCE, che ha tagliato il tasso sui depositi di 10 punti base. 

Gli operatori speravano infatti in un’estensione del valore del QE a 80 miliardi dai 60 attuali e considerano un’occasione persa l’aver solamente esteso la durata e gli asset acquistabili nell’ambito del QE. 

Immediata la reazione anche sul mercato valutario, dove Euro / Dollaro è schizzato sui massimi da due settimane a 1,089, per poi assestarsi a 1,079 USD (+1,75%). 

Effetto negativo anche sullo spread, che è salito a 97 punti base, con un deciso aumento di 5 punti rispetto a ieri, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento dell’1,55%.

Tra i listini europei, pesante Francoforte, che segna una discesa di ben del 2,55 punti percentuali, in rosso anche Londra, che soffre un calo dello 0,77%, mentre Parigi crolla dell’1,97%. Giornata “no” per la Borsa italiana, che riporta una flessione dello 0,94% sul FTSE MIB.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, brillano ancora Snam, con un forte incremento (+3,15%), e Terna, con un progresso del 2,18%, grazie alle novità sulle bollette energetiche. 

Bene anche Mediobanca che avanza dell’1,15%.

La peggiore performance è quella di Campari, che scivola del 3,15%, dopo un giudizio negativo di JP Morgan.

Sensibili perdite per Luxottica, in calo del 2,94%.

In apnea Azimut, che arretra del 2,44%.

Tonfo di STMicroelectronics, che mostra una caduta del 2,09%.

Borse a picco deluse da Draghi. L’Euro spicca il volo