Borsa, scatta la rimonta di Eni

(Teleborsa) – Scambia in profit ENI, che lievita dell’1,27%, beneficiando di alcune ricoperture. A pesare sulle azioni del cane a sei zampe, limitandone la possibilità di upside, c’è lì’ennesimo calo delle quotazioni petrolifere.

Frattanto, epler Cheuvreux ha limato il prezzo obiettivo a 10 euro da 10,5 euro precedente, e Credit Suisse lo ha ridotto a 12 euro da 13 euro, mentre RBC ha alzato l’indicazione di prezzo a 7 euro da 6 euro.

Lo scenario su base settimanale del Cane a sei zampe rileva un allentamento della curva rispetto alla forza espressa dal FTSE MIB. Tale ripiegamento potrebbe rendere il titolo oggetto di vendite da parte degli operatori.

Il contesto tecnico generale evidenzia implicazioni ribassiste in via di rafforzamento per ENI, con sollecitazioni negative tali da forzare i livelli verso l’area di supporto stimata a 8,302 Euro. Contrariamente alle attese, invece, sollecitazioni rialziste potrebbero spingere i prezzi fino a quota 8,412 dove staziona un importante livello di resistenza. Il dominio dei ribassisti alimenta attese negative per la prossima sessione con target potenziale posto a quota 8,25.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa, scatta la rimonta di Eni