Borsa Milano prudente assieme agli altri mercati europei

(Teleborsa) – Borse europee e Piazza Affari prudenti in mattinata, dopo alcuni dati macro negativi, in particolare quello della produzione in Germania. Meglio il dato delle vendite al dettaglio in Italia. Sullo sfondo la situazione internazionale, i contagi da Covid che aumentano ed il blocco di Trump sul pacchetto di aiuti.

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,23%. Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +128 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,77%.

Tra i listini europei fiacca Francoforte, che lima lo 0,18%, ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto (-0,06%), trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia (-0,07%). A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile e si posiziona su 19.411 punti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, ottima performance per Enel, che registra un progresso del 2,72%.

Buoni spunti su Interpump, che mostra un ampio vantaggio dell’1,06%.

Seduta senza slancio per Ferrari, che riflette un moderato aumento dello 0,89%.

Piccolo passo in avanti per Prysmian, che mostra un progresso dello 0,82%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Nexi, che crolla del 4,24% dopo il collocamento di Mercury.

Sensibili perdite per BPER, in calo del 2,99%.

Preda dei venditori Saipem, con un decremento del 2,52%.

Si concentrano le vendite su ENI, che soffre un calo del 2,46%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, RCS (+3,84%), doValue (+1,15%), De’ Longhi (+1,08%) e Aeroporto di Bologna (+0,90%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Cattolica Assicurazioni, che continua la seduta con -3,58%.

In apnea Banca Farmafactoring, che arretra del 3,17%.

Tonfo di Juventus, che mostra una caduta del 2,84%.

Lettera su Tinexta, che registra un importante calo del 2,66%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa Milano prudente assieme agli altri mercati europei