Borsa Milano chiude al top in Europa grazie ai bancari

(Teleborsa) – Piazza Affari chiude una giornata ed una settimana positive assieme alle altre borse europee, anche se il mercato termina sotto i livelli migliori della mattinata. Le borse hanno ritracciato nel pomeriggio, in scia al progressivo rallentamento di Wall Street, che era partita tonica sui dati dell’occupazione USA.

A sostenere il sentiment degli investitori ci ha pensato la BCE che ha alzato le stime di crescita dell’economia, mentre l’Euro / Dollaro USA è risalito a quota 1,066 dopo i dati del Job Report. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.199,1 dollari l’oncia. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 48,94 dollari per barile.

Invariato lo spread, che si posiziona a 188 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,34%.

Tra i listini europei sostanzialmente invariata Francoforte, che riporta un-0,13%, composta Londra, che cresce di un modesto +0,38%, performance positiva per Parigi, che mostra un rialzo dello 0,24%.

Il listino milanese si conferma in vetta, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,45%, consolidando la serie di quattro rialzi consecutivi, avviata martedì scorso; sulla stessa linea, lieve aumento per il FTSE Italia All-Share, che si porta a 21.565 punti. In denaro il FTSE Italia Mid Cap (+0,81%), come il FTSE Italia Star (0,9%). Tra i 218 titoli trattati, 81 hanno chiuso in flessione, mentre 129 azioni hanno terminato la seduta di oggi in progresso. Stabili le restanti 8 azioni.

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,92 miliardi di euro, in calo rispetto ai 3,04 miliardi della vigilia; mentre i contratti si sono attestati a 309.081, rispetto ai 312.675 precedenti.

In luce sul listino milanese i comparti Banche (+2,75%), Chimico (+1,56%) e Viaggi e intrattenimento (+1,54%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti Tecnologico (-0,95%), Automotive (-0,77%) e Utility (-0,49%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione si segnalano le banche: brilla Banco BPM, con un forte incremento (+6,6%), seguita da Unicredit che registra un progresso del 3,40% e BPER del 3,26%. Bene anche UBI Banca (+2,48%).

La peggiore è Leonardo, che ha chiuso in ribasso dell’1,59%.

Sotto pressione A2A, con un forte ribasso dell’1,57%.

Soffre Fiat Chrysler, che evidenzia una perdita dell’1,36%.

Preda dei venditori STMicroelectronics, con un decremento dell’1,32%.

Cauta Poste Italiane (-0,3%) in attesa dei conti la prossima settimana.

Fuori dal paniere principale si segnala Il Sole 24 Ore, che crolla del 4,57%, dopo il blitz ordinato dalla Procura di Milano. 

Borsa Milano chiude al top in Europa grazie ai bancari
Borsa Milano chiude al top in Europa grazie ai bancari