Borsa Milano al palo con le banche. Brilla Moncler

(Teleborsa) – Piazza Affari resta la peggiore in Europa a metà giornata, confermando perdite di una certa importanza, a causa del crollo dei titoli bancari, che risentono di risultati trimestrali a luci ed ombre  

Con un’agenda macro povera, l’attenzione si è concentrata sul dato della produzione industriale in Regno Unito, che è risultato peggiore delle attese.

Nel frattempo, il petrolio conferma una correzione, con il Light Crude  che perde lo 0,7% a 44,36 dollari per barile ed il Brent lo 0,2% a 45,45 dollari. Nel pomeriggio sono attesi i consueti dati sulle scorte USA.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,18%. Fermo lo spread a 137 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,49%.

Tra i listini europei, debole Francoforte, che soffre un calo dello 0,76%, fiacca Londra, che lima lo 0,20%, vendite su Parigi, che registra un ribasso dello 0,96%. Giornata nera per la Borsa di Milano, che affonda con una discesa dell’2%.

Fra i titoli guida, schiva le vendite Moncler, che registra un progresso del 3,27%, grazie al forte aumento delle vendite. 

Exploit di Finmeccanica, che mostra un rialzo del 2,89%.

Le peggiori si confermano le banche con Banco Popolare che prosegue le contrattazioni in calo del 12,36% all’indomani dei risultati. Male anche la partner Banca Popolare di Milano, con un ribasso del 9,52%, dopo i conti e l’annuncio della chiusura positiva della due diligence per la fusione. Vendite a piene mani anche su UBI Banca, che soffre un decremento del 4,47%.

Crolla Mediaset, con una flessione del 6,43%, dopo aver annunciato conti in rosso a causa di Premium.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa Milano al palo con le banche. Brilla Moncler