Borsa in rialzo grazie al sostegno delle banche centrali. Milano in pole

(Teleborsa) – Le borse europee chiudono la seduta in rialzo con Milano in pole, sostenuta dai titoli industriali e delle infrastrutture. A sostenere il sentiment dei mercati hanno contribuito le politiche di sostegno delle banche centrali: dalla Fed alla Bank of Japan senza dimenticare la Bank of England, alle prese con gli effetti della Brexit, e la BCE, che mantiene una politica accomodante sotto l’egida di Mario Draghi.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,42%. Deciso balzo in alto dell’oro (+1,81%), che raggiunge 1.384,9 dollari l’oncia. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno del 5,97%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a +244 punti base, evidenziando un aumento di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,11%.

Tra i mercati del Vecchio Continente piccoli passi in avanti per Francoforte, che segna un incremento marginale dello 0,38%, giornata moderatamente positiva per Londra, che sale di un frazionale +0,28%, seduta positiva per Parigi, che riflette un moderato aumento dello 0,31%.

Piazza Affari archivia la giornata con un guadagno più robusto sul FTSE MIB dello 0,66%, proseguendo la serie di quattro rialzi consecutivi, iniziata lunedì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share procede a piccoli passi, avanzando a 23.302 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,39%), come il FTSE Italia Star (0,8%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,74 miliardi di euro, con un incremento di ben 465,8 milioni di euro, pari al 20,48%, rispetto ai precedenti 2,27 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,87 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,98 miliardi.

Su 216 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 65 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 131 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 20 azioni del listino milanese.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti materie prime (+2,71%), alimentare (+2,50%) e beni per la casa (+2,31%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti bancario (-0,56%) e viaggi e intrattenimento (-0,51%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Saipem, che mostra un forte aumento del 3,27% dopo l’allungo pomeridiano.

Decolla Moncler, con un importante progresso del 2,79%.

In evidenza Tenaris, che mostra un forte incremento del 2,71%.

Svetta Campari che segna un importante progresso del 2,52%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su UBI Banca, che ha terminato le contrattazioni a -1,63%.

Giornata fiacca per Intesa Sanpaolo, che segna un calo dello 0,86%.

Piccola perdita per Banco BPM, che scambia con un -0,64%.

Tentenna Unipol, che cede lo 0,63%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Biesse (+5,29%), Banca Ifis (+4,19%), Saras (+3,22%) e Brembo (+2,68%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Anima Holding, che ha terminato le contrattazioni a -2,26%.

Sotto pressione Aeroporto di Bologna, con un forte ribasso dell’1,74%.

Soffre Carel Industries, che evidenzia una perdita dell’1,29%.

Preda dei venditori Credito Valtellinese, con un decremento dell’1,02%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa in rialzo grazie al sostegno delle banche centrali. Milano in&nb...