Borsa elettrica, a maggio PUN in aumento dell’8,7%

(Teleborsa) – A maggio, gli scambi di energia nel Mercato del Giorno Prima registrano la crescita più importante del 2016 (+2,5%) che però si ridimensiona (+0,9%) se si tiene conto dei due giorni lavorativi in più rispetto allo stesso mese del 2015. Lo rivela il GME nella consueta newsletter mensile del mese di giugno.

Nello stesso periodo il prezzo medio di acquisto (PUN), dopo quattro ribassi consecutivi registra un aumento di 2,79 euro/MWh (+8,7%) dal minimo storico di aprile e si porta a 34,78 euro/MWh. Rispetto a maggio 2015, il PUN segna invece una flessione di 12,49 euro/MWh (-26,4%).

I volumi di energia elettrica scambiati nel Sistema Italia, pari a 23,2 milioni di MWh, crescono del 2,5% su base annua.

Prosegue la contrazione su base annua delle vendite da impianti a fonte rinnovabile, ininterrotta dallo scorso novembre, che si portano a 8,9 milioni di MWh (-7,2%).

In significativa flessione la fonte idraulica (-10,9%), ma anche quella eolica (-2,6%) e la “solare e altre”(-4,1%). Le vendite degli impianti a fonti tradizionali aumentano del 6,4% trainati soprattutto da quelle degli impianti a gas (+26,5%), ma anche di quelli a carbone (+7,6%).

Pertanto la quota delle fonti rinnovabili, pari al 45,2%, cede 3,3 punti percentuali rispetto ad un anno fa, mentre quella degli impianti a gas ne guadagna quasi 8 salendo al 36,4%

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa elettrica, a maggio PUN in aumento dell’8,7%