Borsa americana vittima delle prese di beneficio

(Teleborsa) – Giornata nera per la Borsa di New York, che ieri (26 dicembre 2018) ha messo a segno un ottimo rialzo dopo che il presidente americano Trump ha confermato la sua piena fiducia a Jerome Powell, capo della Fed.

L’indice Dow Jones affonda con una discesa dell’1,87%; l’S&P-500 crolla dell’1,94%, scendendo fino a 2.419,8 punti. Depresso il Nasdaq 100 (-2,54%); su di giri lo S&P 100 (+5,2%).

Andamento negativo negli States su tutti i comparti dell’S&P 500. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti beni di consumo secondari (-2,76%), energia (-2,49%) e telecomunicazioni (-2,39%).

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa. Le più forti vendite si manifestano su Apple, che prosegue le contrattazioni con un -3,65%.

Vendite a piene mani su Microsoft, che soffre un decremento del 2,73%.

Pessima performance per Exxon Mobil, che registra un ribasso del 2,70%.

Applied Materials è l’unica performance positiva del Nasdaq-100, con un aumento dello 0,98%. Le peggiori performance, invece, si registrano su Tesla Motors -6,67%.

Sessione nera per Wynn Resorts, che lascia sul tappeto una perdita del 5,39%.

In caduta libera Nvidia, che affonda del 4,69%.

Pesante Mylan, che segna una discesa di ben -4,62 punti percentuali.

Borsa americana vittima delle prese di beneficio