Borsa americana a picco con comparto petrolifero

(Teleborsa) – Wall Street apre le contrattazioni in forte ribasso, risentendo su un clima di incertezza sulla possibile riapertura delle attività in alcuni Stati USA dopo il lockdown. Si guarda anche al Piano Trump per nuovi fondi alle PMI mentre riecheggiano le sue parole fortemente protezioniste sulla necessità di riportare le catene di fornitura in USA.

A deprimere il mercato anche il pesante calo del petrolio, attorno agli 11,5 dollari a new York, che sta colpendo pesantemente il comparto oil.

L’indice Dow Jones segna un calo dell’1,84%; sulla stessa linea lo S&P-500, che scivola a 2.838,62 punti. Negativo il Nasdaq 100 (-0,78%), come l’S&P 100 (-1,2%).

Forte nervosismo e perdite generalizzate nell’S&P 500 su tutti i settori, senza esclusione alcuna. Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori energia (-4,48%), finanziario (-2,34%) e beni industriali (-2,11%).

La sola Blue Chip del Dow Jones in sostanziale aumento è Wal-Mart (+0,77%).

La pegiore è United Technologies, che cede il 5,72%.

Tonfo di Exxon Mobil, che mostra una caduta del 4,40%.

Lettera su Chevron, che registra un importante calo del 4,38%.

Affonda American Express, con un ribasso del 3,58%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Netflix (+3,49%), Viacom (+3,24%), Moderna (+2,11%) e Amazon (+2,07%). Dal lato opposto Western Digital, che continua la seduta con -4,61%. Crollano Bed Bath & Beyond, con una flessione del 4,18%, American Airlines del 4,06% e Tesla Motors del 3,66%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Borsa americana a picco con comparto petrolifero