Bonus asilo nido: al via le domande. Tempi e modalità

(Teleborsa) – Un piccolo, grande aiuto per tante famiglie. Dal 29 gennaio e fino al 31 dicembre 2018 sarà possibile presentare domanda per accedere al bonus asilo, dell’importo massimo di 1.000 euro, destinato ai figli nati o adottati dal 1° gennaio 2016 e corrisposto dall’Inps su domanda del genitore. Lo chiarisce l’Istituto in una nota ufficiale.

COME FUNZIONA – L’agevolazione per gli asili nido è stanziata in 11 rate mensili da 90,91 euro per ogni retta pagata e documentata. Per quanto riguarda le forme di assistenza presso la propria abitazione, invece, il bonus è riconosciuto in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche . La somma di 1.000 euro, in questo caso, è erogata in un’unica soluzione direttamente al genitore richiedente. Può accedere al bonus il genitore di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 che sia residente in Italia, con cittadinanza italiana o comunitaria. Il beneficio è valido anche per gli extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno di lungo periodo o di una delle carte di soggiorno per familiari extracomunitari e per i cittadini stranieri con status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

COSA FARE – Nella nota l’Inps chiarisce l’iter da seguire:

  • Anche chi ha richiesto il bonus per le mensilità 2017 deve presentare una nuova domanda per il 2018;
  • occorre essere in possesso, in caso di asilo nido privato autorizzato, della documentazione che dimostra il pagamento almeno della retta relativa al primo mese di frequenza del 2018 oppure, nel caso di asilo nido pubblico, di iscrizione o di documentazione che dimostri l’avvenuto inserimento in graduatoria del bambino;
  • la documentazione di avvenuto pagamento dovrà indicare: la denominazione e la partita iva dell’asilo nido; il codice fiscale del minore; il mese di riferimento; gli estremi del pagamento o la quietanza di pagamento; il nominativo del genitore che sostiene l’onere della retta;
  • in fase di domanda vanno indicare tutte le mensilità per le quali si richiede il beneficio, anche quelle da settembre in poi;
  • per ottenere l’importo occorre allegare la ricevuta di pagamento per ogni mese che avete indicato nella domanda;
  • in caso di richiesta di bonus per le forme di supporto presso la propria abitazione il genitore che farà domanda dovrà risultare convivente con il bambino e presentare un attestato rilasciato dal pediatra di libera scelta che attesti per l’intero anno di riferimento “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica”.

L’Inps chiarisce inoltre che il bonus è un pagamento di 90,91 euro per ogni rata mensile effettivamente pagata pari o superiore a tale cifra. Chi paga di meno riceverà solo la quota effettivamente pagata.

I TEMPI – E’ possibile inoltrare la domanda dalle ore 10 del 29 gennaio 2018, fino alle ore 23.59 del 31 dicembre 2018 con le seguenti modalità:

  • on line tramite i servizi telematici dell’Inps;
  • via telefono chiamando il Contact Center dell’istituto al numero verde 803.164 gratuito da rete fissa o il numero 06164164 da rete mobile (con tariffazione a carico);
  • di persona rivolgendosi ad un patronato

    La domanda, invece, non  può essere presentata per ludoteche, spazi gioco, spazi baby, pre-scuola.

Bonus asilo nido: al via le domande. Tempi e modalità