Bollette: stop a maxi conguagli, prescrizione entro 2 anni

(Teleborsa) – E’ arrivato il via libera all’emendamento che vieta le maxi bollette per le utenze dei servizi luce, gas e acqua, dovute a conguagli di molti mesi anche riferiti a periodi più lunghi.

Le bollette saranno prescritte entro due anni. In sostanza le aziende avranno due anni di tempo per “allineare” quanto pagato dall’utente e il consumo effettivo rilevato dal contattore, superando la pratica dei maxi conguagli. 

La commissione Bilancio della Camera ha dato un via libera trasversale all’emendamento che consente di far confluire in manovra il progetto di legge di Fi che aveva già superato lo scoglio di Montecitorio, ma che attendeva ancora l’approvazione del Senato.

L’Autorità per l’energia dovrà definire entro 60 giorni le misure necessarie per ottenere questo risultato. Intanto le le date di partenza sono già state fissate: si comincia a marzo 2018 con lo stop ai maxi conguagli della luce, a gennaio 2019 toccherà al gas ed a gennaio 2020 all’acqua.

Bollette: stop a maxi conguagli, prescrizione entro 2 anni