Bolaffi Metalli Preziosi, fatturato record in 2020. Pandemia spinge beni rifugio

(Teleborsa) – La pandemia, come tutte le crisi in cui domina l’incertezza, ha fatto aumentare l’interesse verso i beni rifugio. Ciò è attestato anche dai risultati di bilancio di Bolaffi Metalli Preziosi, primaria società italiana attiva nel settore. La società torinese ha chiuso il 2020 con un fatturato di quasi 30 milioni di euro, in aumento del 28% rispetto all’esercizio precedente e a un livello record per l’ottavo anno consecutivo.

L’utile netto è di 552.127 euro (+5% sul 2019), l’utile adjusted di 631.163 euro rispetto a 547.174 euro dell’esercizio precedente. “Durante i mesi di lockdown, i clienti si sono affrettati a comprare da remoto scorte di oro fisico a protezione dei loro risparmi” ha spiegato il presidente e AD della società, Giulio Filippo Bolaffi.

Sebbene nel 2021 siano rallentate le compravendite di oro fisico, ha aggiunto Bolaffi, l’obiettivo della società è quello di raggiungere risultati in lieve crescita anche nell’anno in corso. Una modalità di crescita resta quella per linee esterne, ed infatti Bolaffi Metalli Preziosi è in trattativa avanzata su due dossier: perciò a maggio si terrà un’assemblea straordinaria per deliberare un aumento di capitale da 4 milioni di euro a sostegno delle operazioni di M&A da finalizzarsi nel 2021.

(Foto: flaart / Pixabay )

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bolaffi Metalli Preziosi, fatturato record in 2020. Pandemia spinge be...