BoJ lascia invariata la politica monetaria. Taglia stime inflazione

(Teleborsa) – La Bank of Japan (BoJ) ha confermato la sua politica monetaria ultra-espansiva al fine di raggiungere il target di inflazione al 2%, continuando la sua dura battaglia contro la deflazione. “I prezzi al consumo continuano a mostrare un andamento debole, soprattutto a causa della posizione ‘cauta’ delle imprese in materia di salari”, spiega la Banca Centrale giapponese che ha poi tagliato le stime sull’inflazione. In particolare la BoJ ha indicato un’inflazione allo 0,8% sull’anno fiscale a marzo 2018 contro il +1,1% indicato in precedenza. 

Il tasso sui depositi è rimasto dunque al -0,1%, mentre è stato mantenuto l’impegno di acquisire bond governativi a 10 anni al fine di comprimere il loro tasso attorno allo zero, ad un ritmo di 80 trilioni di yen l’anno, come ampiamente atteso dagli analisti. 

La decisione odierna è stata presa non all’unanimità, ma con 8 voti a favore e 1 contrario, sempre quello di Goushi Kataoka.

BoJ lascia invariata la politica monetaria. Taglia stime inflazio...