BOE, Bailey: “Importante non reagire in modo eccessivo a crescita inflazione”

(Teleborsa) – Dopo la pandemia, e il forte rimbalzo economico atteso per l’anno in corso e il prossimo, “l’economia tornerà ai tassi di crescita medi più bassi che abbiamo visto dalla crisi finanziaria ad oggi, a parità di altre condizioni. A ciò si accompagnerà il perdurare di bassi tassi di interesse in tutto il mondo, che tendono ad essere influenzati da fattori strutturali quali l’invecchiamento della popolazione e la crescita persistentemente bassa della produttività”. È quanto ha detto Andrew Bailey, governatore della Bank of England, in un discorso la cui tesi è che politici e banchieri centrali non devono correre il rischio di “reagire in modo eccessivo a quello che è un innalzamento temporaneo dell’inflazione”.

“Il ritorno al modello pre-Covid di una crescita tendenziale più bassa porterà le sue sfide e c’è un forte argomento per non accettare questo stato di cose come inevitabile o accettabile – ha spiegato – Una maggiore crescita dell’offerta potenziale supportata da investimenti più forti e una crescita della produttività renderà più facile la ripresa dalla pandemia”. Secondo il governatore della BoE, l’aumento del debito pubblico e delle imprese per attutire l’impatto della pandemia “è una risposta necessaria e sensata”, ma quel costo deve essere gestito, e sarà più facile farlo con un più alto tasso di crescita tendenziale, spinto da maggiori investimenti.

L’economista sostiene che ci sono almeno tre ragioni per cui l’aumento dell’inflazione – osservato nel Regno Unito e in molti altri Paesi – dovrebbe essere considerato come temporaneo. In primo luogo, “ci sono effetti di base sull’inflazione annuale causati da un’attività molto debole e dai prezzi dello scorso anno che non dureranno oltre un anno in termini aritmetici”. In secondo luogo, ulteriori pressioni sui prezzi derivano “da squilibri nella ripresa dell’offerta e della domanda, poiché quest’ultima si riprende più rapidamente della prima; ma questi squilibri non dovrebbero durare”. In terzo luogo, Bailey prevede di assistere a un “passaggio dalla domanda di beni a una maggiore domanda di servizi con l’abolizione delle restrizioni, che dovrebbe riequilibrare la composizione della domanda. Nel tempo, ciò dovrebbe portare a un allentamento dell’inflazione poiché la spesa viene reindirizzata verso settori con maggiore capacità inutilizzata“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BOE, Bailey: “Importante non reagire in modo eccessivo a crescit...