BMW prevede una crescita significativa dei profitti nel 2021

(Teleborsa) – BMW, dopo un anno difficile come per tutte le case automobilistiche, prevede per il 2021 un significativo aumento dei profitti, con “un solido aumento delle consegne” nel segmento automotive . Il gruppo tedesco stima il margine EBIT del segmento in crescita tra il 6 e l’8% per l’anno in corso (è stato del 2,7% nel 2020 e del 4,9% nel 2019.

“BMW ha piani ambiziosi per il 2021 – ha affermato il CEO Oliver Zipse – Abbiamo iniziato il nuovo anno con un forte slancio e miriamo a tornare ai livelli pre-crisi il più rapidamente possibile e andare anche oltre”. “Abbiamo una chiara tabella di marcia per rendere la trasformazione del nostro settore un vero vantaggio competitivo per BMW nei prossimi anni”, ha aggiunto, sottolineano che l’azienda dovrebbe puntare “senza compromessi” su elettrificazione, digitale ed economia circolare.

Il gruppo tedesco ha delineato un piano in tre fasi per aumentare il suo peso nel mercato dei veicoli elettrici. In primis, entro il 2023, punta ad avere circa una dozzina di modelli completamente elettrici sulle strade di tutto il mondo e almeno un modello completamente elettrico in circa il 90% dei suoi attuali segmenti di mercato.

Per la seconda fase, al 2025, prevede che le consegne di modelli completamente elettrici saranno cresciute in media di oltre il 50% rispetto al 2020 e di aver consegnato circa due milioni di veicoli completamente elettrici in tutto il mondo. La terza fase vedrà una graduale diminuzione del numero di veicoli con motore a combustione. Al contrario, si prevede che il numero di veicoli completamente elettrici continui a crescere in media di oltre il 20% all’anno tra il 2025 e il 2030 e che i veicoli green rappresentino almeno il 50% delle consegne di BMW entro il 2030.

BMW ha anche diffuso i dati definitivi sul 2020. A causa della pandemia, le consegne di veicoli sono diminuite dell’8,4% a 2.325.179 unità. La casa automobilistica ha però registrato una crescita è nel segmento upper luxury, con consegne in aumento del 12,4% a oltre 115.000 veicoli. I ricavi del gruppo sono diminuiti a 98.990 milioni di euro (-5% sul 2019). L’utile ante imposte è sceso a 5.222 milioni di euro (-26,6% rispetto ai 7.118 milioni di euro del 2019). Il margine ante imposte del gruppo è stato del 5,3% (6,8% l’anno prima).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BMW prevede una crescita significativa dei profitti nel 2021