Biomedicale, la BEI finanzia l’azienda pisana MMI

(Teleborsa) – La Banca europea per gli investimenti (BEI) ha concesso un finanziamento da 15 milioni di euro a Medical Microinstruments(MMI), azienda con sede a Pisa che si occupa di migliorare i risultati clinici per i pazienti sottoposti a microchirurgia.

Il prestito sosterrà la strategia finanziaria a lungo termine di MMI, che punta ad espandersi in Europa, ed è accompagnato da una garanzia del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS).

“Quando parliamo di eccellenza italiana talvolta sfugge l’importanza di alcuni settori altrettanto eccellenti, quello della chirurgia robotica rientra sicuramente in questa categoria. Sono felice che la BEI, con il sostegno del Piano di investimenti per l’Europa, possa affiancare MMI nell’intento di migliorare la vita dei pazienti che necessitano di microchirurgia”, ha dichiarato il direttore della BEI Christoph Kuhn, aggiungendo “occorre sostenere le conoscenze e le competenze europee, soprattutto in questi momenti difficili dal punto di vista economico, e la banca dell’UE è qui per fare proprio questo”.

Soddisfazione anche da parte di Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia, che ha dichiarato: “Le imprese europee sono da tempo in prima linea nel campo delle soluzioni innovative nel settore dell’assistenza sanitaria. Grazie al sostegno del Fondo europeo per gli investimenti strategici, la BEI può supportare MMI SpA al fine di continuare a sviluppare gli strumenti microchirurgici della prossima generazione per aiutare i pazienti sottoposti in futuro ad interventi chirurgici”.

MMI, che nel 2018 aveva ricevuto un importante finanziamento di Serie A da 20 milioni di euro per accelerare lo sviluppo della sua rivoluzionaria piattaforma robotica per microchirurgia. La società è nata nel 2015 nella provincia di Pisa e conta oggi una cinquantina di dipendenti. La piattaforma robotica di MMI combina innovazioni brevettate, come gli strumenti articolati più piccoli al mondo, insieme al più alto “scaling” dei movimenti oggi disponibile in chirurgia robotica con conseguente riduzione del tremore naturale della mano. Queste funzionalità consentono a più chirurghi di eseguire con una maggior successo interventi complessi di microchirurgia.

“Siamo lieti di aver concluso un accordo di prestito con la Banca europea per gli investimenti e apprezziamo la fiducia riposta nella nostra azienda e le soluzioni innovative offerte da un’istituzione di così alto calibro”, ha dichiarato Gianluca Landi, Direttore dell’Amministrazione, Finanza e Controllo di MMI, aggiungendo “questo accordo giunge ad un momento emozionante della vita della nostra azienda. Le risorse rafforzeranno ulteriormente la nostra posizione finanziaria in preparazione al lancio commerciale in Europa del nostro sistema robotico innovativo volto a migliorare lo standard di assistenza ai pazienti sottoposti a procedure microchirurgiche”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Biomedicale, la BEI finanzia l’azienda pisana MMI