Bilancio a due velocità per Unipol e Unipolsai

(Teleborsa) – 2015 a due colori per la galassia Unipol.

UnipolSai ha chiuso l’esercizio con un utile netto consolidato di 738 milioni di euro, in calo rispetto ai 783 milioni del 2014 a causa di un impatto fiscale negativo per 84 milioni.

La raccolta assicurativa diretta è stata pari a 13,982 miliardi di euro (-8,8%, al netto della cessione del ramo d’azienda ad Allianz).

Il ?Settore Danni ha raccolto 7,334 miliardi (-5,3%, al netto della cessione del ramo d’azienda ad Allianz), il Settore Vita 6,648 miliardi (-12,3%).

A livello patrimoniale, il Combined ratio è al 93,9%, il Margine di solvibilità Solvency I è pari al 177%.
La società proporrà un dividendo di 0,15 euro per azione.

Unipol  ha invece archiviato l’esercizio con un utile netto consolidato a 579 milioni di euro (+14,6% rispetto al 2014).

La raccolta diretta assicurativa si è attestata a 16,476 miliardi di euro (-4,2%2 rispetto al 2014 al netto della cessione del ramo d’azienda ad Allianz).

Nel ramo Danni la raccolta è stata di 7,883 miliardi (-4,9% al netto della cessione del ramo di azienda ad Allianz), nel ramo Vita di 8,593 miliardi (-3,6%).

A livello patrimoniale la Combined ratio è al 93,5%3, il Margine di solvibilità Solvency I pari a 170%.

Proposto un dividendo unitario di 0,18 per azione.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bilancio a due velocità per Unipol e Unipolsai