Bhp Billiton paga a caro prezzo la sindrome cinese

(Teleborsa) – La sindrome cinese manda al tappeto Bhp Billiton, che mostra un disastroso -4,06%.

Il colosso britannico delle materie prime paga a caro prezzo, al pari del’intero settore, i timori per un rallentamento della Cina più marcato del previsto alla luce dei recenti dati sulla manifattura.

Lo scenario su base settimanale di Bhp Billiton rileva un allentamento della curva rispetto alla forza espressa dal FTSE 100. Tale ripiegamento potrebbe rendere il titolo oggetto di vendite da parte degli operatori.

Quadro tecnico in evidente deterioramento con supporti a controllo stimati in area 709,5 centesimi di sterlina (GBX). Al rialzo, invece, un livello polarizzante maggiori flussi in uscita è visto a quota 726,6. Il peggioramento di Bhp Billiton è evidenziato dall’incrocio al ribasso della media mobile a 5 giorni con la media mobile a 34 giorni. A brevissimo sono concrete le possibilità di nuove discese per target a 702,6.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bhp Billiton paga a caro prezzo la sindrome cinese