Berlino, arrivederci a InnoTrans 2020

(Teleborsa) – Con la quarta giornata di esposizioni, presentazioni, convegni e dibattiti si conclude quella che dal 1996, ogni due anni nel tradizionale periodo autunnale, è oramai la più accredita piattaforma internazionale per i compratori e venditori di prodotti e tecnologie ferroviarie per trasporto passeggeri e merci. Dove si concentra il business ferroviario d’Europa e del mondo e si delineano gli scenari futuri di quella che è la competizione nel mercato dei trasporti e dove prendono forma le strategie per esportare il know-how ferroviario, nel nostro caso italiano, nei paesi esteri.

A InnoTrans edizione 2018, per l’Italia il posto d’onore ha visto protagonisti i due gioielli pronti per la nuova era del trasporto ferroviario regionale, quei Pop e Rock da tempo entrati a far parte dell’immaginario collettivo di tutti gli italiani e che in Germania sono stati presentati come splendida realtà.

Pop e Rock, rispettivamente “figli” dei due tra i principali colossi dell’industria ferroviaria internazionale, Alstom e Hitachi Rail Italy, cominceranno presto a circolare sui binari d’Italia fino a superare le 600 unità, offrendo alle persone, tra cui i cosiddetti pendolari, anche sulla breve distanza lo stesso nuovo modo di viaggiare con il confort e la sicurezza oramai abituale per i tanti che da tempo utilizzano i servizi ad Alta Velocità.

Pop, concepito per quei collegamenti su cui sono richiesti treni di media capacità e Rock, per l’alta capacità, sono stati sin dal primo giorno di InnoTrans al centro dell’attenzione generale, presentati dal nuovo Ad di FS Italiane Gianfranco Battisti, dagli Amministratori delegati di Alstom e Hitachi, Henri Poupart-Lafarge e Maurizio Manfellotto, e dal nostro Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.

Significativa la presenza italiana anche per quanto riguarda il cargo, con inuovi mezzi presentati dalPolo Mercitalia che dal 2016 è massicciamente impegnato in una nuova era di sviluppo del traffico delle merci su rotaia, dopo lunghi anni di poco giustificabile abbandono.

E poi, a InnoTrans, presente naturalmente tutto ciò che è cornice indispensabile al movimento dei treni, come le soluzioni di Ansaldo STS, i sistemi di sicurezza, di segnalamento, di manutenzione, insieme a quella miriade di “componenti”, tanto sconosciuti e invisibili ai comuni viaggiatori, quanto innovativi e indispensabili, che rappresentano la vera evoluzione e differenza.

Berlino, arrivederci a InnoTrans 2020