Benzina, Ponte dell’Immacolata con stangata da 30 milioni

(Teleborsa) – Mentre il petrolio crolla a 40 dollari al barile, sugli automobilisti italiani si abbatterà una nuova stangata determinata dal mancato adeguamento dei prezzi dei carburanti alla pompa per complessivi 30 milioni di euro.

“I cittadini che si sposteranno in auto per il ponte dell’8 dicembre, dovranno mettere in conto una maggiore spesa per i rifornimenti di carburante pari a complessivi 30 milioni di euro” afferma il presidente di Codacons Carlo Rienzi. I listini di benzina e gasolio, infatti, appaiano oggi “gravati da un sovrapprezzo pari a 6 centesimi di euro, determinato dai mancati ribassi dei prezzi rispetto alle quotazioni in picchiata del petrolio”. Una vera e propria “stangata” che, avverte il numero uno dell’associazione consumatori, inciderà sul ponte dell’Immacolata per la maxi-cifra di 30 milioni di euro solo di costi diretti.

Rienzi, chiede “un intervento urgente del Governo Renzi”, affinché siano adottate “misure in grado di vincolare in modo più diretto i listini di benzina e gasolio” alle quotazioni internazionali del petrolio.

Benzina, Ponte dell’Immacolata con stangata da 30 milioni