Beni Stabili verso fusione con Foncière des Régions

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di Beni Stabili ha preso atto della proposta presentata, nella tarda serata del 19 aprile 2018, da parte di Foncière des Régions, azionista di maggioranza della Società al 52,4%, avente ad oggetto una possibile operazione di fusione di Beni Stabili in Foncière des Régions. Intanto, a Piazza Affari il titolo di Beni Stabili sospeso temporaneamente dalle contrattazioni viene riammesso con i seguenti orari: pre-asta fino alle ore 11:30.

L’operazione porterà alla quotazione sul mercato francese e sul mercato italiano.

Foncière des Régions ipotizza che la potenziale fusione possa avvenire sulla base di un rapporto di cambio pari a 8,5 azioni ordinarie di Foncière des Régions ogni 1.000 azioni ordinarie di Beni Stabili (post stacco cedola 2017) e che sia portata a compimento entro la fine del corrente esercizio.

Il Consiglio di Amministrazione di Beni Stabili ha autorizzato l’avvio delle discussioni con Foncière des Régions e ha deliberato di nominare Lazard come advisor finanziario e di supportare il Consiglio di Amministrazione nella valutazione dei termini e condizioni della potenziale fusione oggetto della proposta. La potenziale fusione rimane soggetta, tra l’altro, alla definizione dei relativi termini e condizioni e alle necessarie approvazioni da parte dei competenti organi delle due società, incluse le rispettive assemblee straordinarie.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Beni Stabili verso fusione con Foncière des Régions