BCE pronta a tagliare le stime sull’inflazione?

(Teleborsa) – La Banca Centrale Europea si prepara a tagliare le proprie previsioni sull’inflazione a causa dei bassi prezzi dell’energia.

Lo avrebbe rivelato a Bloomberg un fuzionario dell’Eurotower che domani, in occasione del meeting di poltica monetaria, pubblicherà anche le nuove stime sui prezzi al consumo.

Il caro vita è visto ora in aumento dell’1,5% nel 2017, 2018 e 2019. Nel report di marzo la BCE aveva previsto invece una crescita rispettivamente dell’1,7%, dell’1,6% e dell’1,7%.

Dovrebbe invece restare pressochè immuntato l’outlook sui prezzi al consumo “core”, ossia depurati dalle componenti più volatili quali cibo ed energia.

Se i rumors di stampa si rivelassero fondati la notizia potrebbe essere accolta con favore dai mercati in quanto, come noto, il numero uno della BCE, Mario Draghi, ha ribadito a più riprese che gli stimoli monetari continueranno finché resteranno necessari, ovvero fino a quando l’inflazione non avrà raggiunto il target del 2%.

Un’altra buona notizia potrebbe giungere dalle previsioni sulla crescita economica, che pure saranno rilasciate domani: sempre secondo rumors di stampa, le stime sul PIL dovrebbero essere alzate di un decimo di punto percentuale.

Non si è fatta attendere la reazione dell’euro: la moneta unica ha infatti perso terreno sul dollaro fino a 1,205 USD, salvo poi tornare a quota 1,2130.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BCE pronta a tagliare le stime sull’inflazione?