BCE, il mercato spera nell’ultimo bazooka di Draghi

(Teleborsa) – Oggi è il BCE Day, il giorno in cui la Banca Centrale Europea deciderà sulle mosse di politica monetaria da mettere in campo per sostenere un’economia un po’ anemica. L’ultima missione del governatore Mario Draghi prima che la poltrona passi a Christine Lagarde è dunque quella di salvaguardare la Zona Euro da una possibile recessione.

Secondo gli esperti i nuovi stimoli di politica monetaria attesi potrebbero tradursi in un taglio del tasso sui depositi e nell’annuncio di una ripresa delquantitative easing nel prossimo futuro (forse 30 miliardi di euro al mese).

Intanto l’ABI chiede a Draghi di mitigare gli effetti negativi sulle banche. In particolare le banche italiane chiedono al numero uno dell’Eurotower, “la necessità di un orientamento di politica monetaria altamente accomodante per un prolungato periodo di tempo accompagnata da misure che ne mitighino gli effetti negativi sulla redditività delle banche, quali, ad esempio, un sistema a più livelli per la remunerazione delle riserve detenute presso la Banca Centrale“, il cosiddetto tiering.

La parola passa ora a Mario Draghi: la consueta conferenza stampa dopo l’annuncio delle decisioni della BCE si terrà alle ore 14:30.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

BCE, il mercato spera nell’ultimo bazooka di Draghi