BCC, il Presidente di Cassa Centrale Banca non esclude la quotazione in Borsa

(Teleborsa) – In un futuro non lontano le BCC potrebbero sbarcare in Borsa.

Parlando in conferenza stampa Giorgio Fracalossi, Presidente della Cassa Centrale Banca – futura capogruppo del gruppo bancario cooperativo che riunirà oltre 100 BCC – ha infatti affermato che in prospettiva la quotazione non è esclusa. 

“Mai escludere nulla” ha dichiarato, tenendo però a precisare che “per chiedere capitali all’esterno devi prima garantire la redditività di questi capitali. Quindi prima dobbiamo lavorare su questo”.

“Comunque – ha proseguito – noi già oggi siamo corteggiati da grandi istituzioni finanziarie, abbiamo già numerosi contatti. Non faremo nulla per ora, ma le prospettive ci sono. Vogliamo andare cauti”.

Il Presidente ha spiegato che l’interesse è da parte di investitori non solo istituzionali ma di tutti i tipi, e si spiegano alla luce dei coefficienti patrimoniali della società sia ora che nella prospettiva di diventare la holding di un centinaio di BCC.

“Già oggi abbiamo un Cet 1 intorno al 20% con 240 milioni di capitale e come capogruppo, dopo l’aumento, avremo un Cet 1 al 60-70% dopo aumento e come gruppo, l’aggregato a fine 2016 era al 17% e si attesterà sul 16%”, ha spiegato il presidente di Cassa Centrale Banca. Qualunque discussione in merito a un’eventuale apertura del capitale, ha poi sottolineato, verrà comunque valutata insieme all’azionista Dz, che attualmente ha il 25% e che dovrebbe diluirsi al 3,5-4%.

BCC, il Presidente di Cassa Centrale Banca non esclude la quotazione i...