Battuta d’arresto per l’edilizia italiana a marzo

(Teleborsa) – L’edilizia tricolore segna il passo, registrando una frenata nel mese di marzo, dopo il tentativo di recupero messo a segno nel mese precedente.  

Secondo quanto rilevato dall’ISTAT, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni registra un decremento dello 0,7% rispetto al mese precedente, mentre gli indici di costo del settore segnano una diminuzione dello 0,2%, sia per il tronco stradale con tratto in galleria sia per quello senza tratto in galleria e, dello 0,1% sia per il fabbricato residenziale sia per il tronco stradale con tratto in galleria.

Rispetto a un anno fa, l’indice della produzione nelle costruzioni corretto per i giorni lavorativi scende dello 0,4% così come quello grezzo (i giorni lavorativi sono stati 22, come a marzo 2015).

Sempre su base annua, l’indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale cresce dello 0,5%, mentre diminuiscono, rispettivamente dell’1,4% e dell’1,8%, gli indici del costo di costruzione di un tronco stradale con tratto in galleria e quello senza tratto in galleria.

Battuta d’arresto per l’edilizia italiana a marzo