Banque de France stima PIL in calo del 6% nel 1° trimestre

(Teleborsa) – Mai vista una crisi così in oltre mezzo secolo. La Banque de France sintetizza così le previsioni relative all’andamento dell’economia francese nel 1° trimestre 2020, con un PIL atteso in contrazione del 6%. Una dinamiche che trova come unito precedente la crisi provocata dagli scioperi del maggio del ’68, quando l’economia si contrasse del 5,3%.

L’ultimo bollettino della banca centrale francese conferma anche la crisi dell’industria, in particolare quella del’auto e dell meccanica, e dei servizi, in particolare il business turistico e degli hotel, entrambi pesantemente colpiti dalla pandemia Covid-19.

L’Istituto francese stima che il calo dell’attività durante la prima settimana di lockdown, si aggiri attorno al 32%, e che le fabbriche abbiano operato ad appena il 56% della loro capacità contro il 78% di febbraio.

La Banque de France nutre anche un certo pessimismo per il futuro, in vista anche di una estensione delle misure di contenimento oltre il 15 aprile.

(Foto: Soroush Karimi / Unsplash)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banque de France stima PIL in calo del 6% nel 1° trimestre