Bankitalia, per Visco l’Italia cresce più del previsto

Ignazio Visco è molto più che ottimista sull’Italia.

In occasione della Giornata mondiale del risparmio il Governatore della Banca d’Italia ha dichiarato che nel 2015 la crescita economica tricolore sfiorerà l’1%, superando le previsioni fornite a luglio da Palazzo Koch che indicavano un PIL in aumento dello 0,7%.

Questa performance, ha poi spiegato, è favorita dal consolidamento della ripresa dei consumi privati e al graduale riavvio degli investimenti.

Di grande aiuto anche il miglioramento del mercato del lavoro “che ha beneficiato anche dei provvedimenti adottati dal Governo”.

Anche la dinamica del credito è migliorata nel corso dell’anno, “beneficiando della ripresa in atto e dell’ampia liquidità resa disponibile dalle misure di politica monetaria”. 

Visco ha poi parlato di banche e salvataggi bancari, premettendo che la vigilanza della Banca d’Italia ha permesso negli ultimi anni di scoprire casi “patologici” di cattiva gestione nelle banche anche se i rischi nell’Area Euro permangono. 

Quanto al bail-in da poco introdotto in Italia il numero uno di Bankitalia ha assicurato che ci sono scarse probabilità che i depositi bancari oltre i 100 mila euro siano colpiti nel salvataggio di una banca, aggiungendo che “gli importi al di sopra di tale soglia riceveranno un trattamento preferenziale rispetto alle altre passività della banca e pertanto è bassa la probabilità che essi siano colpiti nella risoluzione di una crisi”.

Non è mancato un accenno alla bad bank, ossia una banca in cui far confluire tutti i crediti deteriorati. Visco ha assicurato che nel corso delle prossime settimane verrà definitivamente accertata la fattibilità del progetto.

Bankitalia, per Visco l’Italia cresce più del previs...