Bankitalia: frena domanda credito imprese, primo stop da 4 anni

(Teleborsa) – Nel secondo semestre del 2018 “la domanda di credito da parte delle imprese si è stabilizzata, dopo un quadriennio di crescita”. Lo afferma la Banca d’Italia grazie al lavoro prodotto dalle Filiali dell’istituto di via Nazionale che a marzo hanno condotto la nuova edizione dell’indagine sulle banche a livello territoriale, Rbls, acronimo inglese per Regional Bank Lending Survey riferita al secondo semestre del 2018.

Le richieste di prestiti “sono lievemente aumentate soltanto nel Nord-est, si sono mantenute invariate al Nord-ovest e sono leggermente diminuite al Centro-sud. La domanda è stata indirizzata prevalentemente al sostegno del capitale circolante, mentre quella destinata agli investimenti produttivi e al consolidamento delle posizioni debitorie in essere si è leggermente ridotta”.

SEGNALI STRETTA CREDITIZIA – Nella seconda metà del 2018 “si è interrotta la fase di allentamento dei criteri di offerta alle imprese dell’industria e dei servizi in atto dal 2014, con segnali di lieve inasprimento in tutte le ripartizioni territoriali. Anche le condizioni di accesso al credito per l’edilizia, già restrittive, si sono ulteriormente irrigidite”.

Per i primi cinque gruppi bancari, “l’inasprimento si è realizzato prevalentemente attraverso il calo del le quantità offerte, più marcato al Centro-sud. Per gli altri intermediari l’irrigidimento è avvenuto, in tutte le aree, soprattutto attraverso l’aumento degli spread applicati alle imprese più rischiose”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bankitalia: frena domanda credito imprese, primo stop da 4 anni