Bank of England, Carney: successo Brexit determinante per l’economia inglese

(Teleborsa) – La Bank of England “non è onnipotente” e la sua influenza sul processo di Brexit “è limitata”. A dirlo è il governatore della banca centrale britannica, Mark Carney, che ribadisce che il compito della BoE è tenere sotto controllo l’inflazione, ma non può risolvere le sfide più ampie o limitare i colpi di una uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. 

In occasione della celebrazione dei 20 anni di indipendenza della Bank of England, il banchiere ha ricordato che l’istituto centrale ha giocato un ruolo chiave nella crisi finanziaria e, che ora il Regno Unito può contare sul suo sostegno per affrontare la Brexit. Secondo Carney la prosperità economica del Regno Unito dipende dal successo del processo di uscita dall’Unione europea.

“Nei due decenni successivi all’indipendenza raggiunta, l’inflazione si è attestata in media sotto il 2%, rispetto al tasso superiore al 6% dei due anni precedenti. In modo cruciale, l’indipendenza ha permesso alla politica monetaria di rispondere con fermezza e in modo efficiente alla più grande crisi finanziaria in un secolo. E permette alla Bank of England di affrontare diversi sviluppi legati alla Brexit”, ha spiegato il governatore.

Sul fronte della politica monetaria inglese, intanto, nelle sale operative si scommette su imminente rialzo dei tassi in UK, il primo in dieci anni. Aspettative alimentate dalle dichiarazioni del responsabile economista della Bank of England, Andy Haldane che, in un’intervista rilasciata a Sky News, ha affermato che i britannici non devono temere tassi di interesse più alti.

Bank of England, Carney: successo Brexit determinante per l’economia inglese
Bank of England, Carney: successo Brexit determinante per l’econ...