Banco Popolare, l’Ad non conferma la riunione del CdA nel weekend

(Teleborsa) – Buona giornata per il Banco Popolare, con un rialzo dell’1,63%, ma inferiore a quello del mercato e del comparto bancario nel suo complesso. Il mercato ha accolto con una certa indifferenza le parole dell’Ad Pierfrancesco Saviotti, il quale ha confermato che il deal con BPM per le nozze è vicino. 

Una notizia che non desta grande sorpresa, perché a più riprese il manager ha confermato che l’intesa fa passi avanti, ma oggi ha aggiunto che i tempi di convocazione dei rispettivi consigli non sono noti, in risposta a rumors che parlavano di una convocazione già nel prossimo weekend. Smentita ancora una volta l’ipotesi di aumento di capitale, che renderebbe superflua l’operazione di aggregazione. 

Comparando l’andamento del titolo con l’indice FTSE MIB, su base settimanale, si nota che Banco Popolare mantiene forza relativa positiva in confronto con l’indice, dimostrando un maggior apprezzamento da parte degli investitori rispetto all’indice stesso (performance settimanale +27,54%, rispetto a +8,7% del FTSE MIB).

Tecnicamente la situazione di medio periodo è negativa, mentre segnali rialzisti si intravedono nel breve periodo, grazie alla tenuta dell’area di supporto individuata a quota 7,818 Euro. Lo spunto positivo di breve è indicativo di un cambiamento del trend verso uno scenario rialzista, con la curva che potrebbe spingersi verso l’importante area di resistenza stimata a quota 8,293. A livello operativo, lo scenario più appropriato potrebbe essere una ripresa rialzista del titolo, con area di resistenza individuata a 8,768.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banco Popolare, l’Ad non conferma la riunione del CdA nel weeken...