Banco Desio alza il velo sul Piano Industriale 2018-2020

(Teleborsa) – Raccolta diretta in crescita dell’8%, CET1 al 12%, ROE all’8%. Sono alcuni dei target contenuti nel Piano Industriale 2018-2020 presentato dal Gruppo Banco Desio

Il Piano, spiega l’Istituto di credito in una nota, prevede una “significativa evoluzione del modello distributivo” da realizzarsi mediante un approccio integrato omnicanale.
In particolare, per il Canale dei Consulenti Finanziari, il programma di sviluppo prevede nel triennio di realizzare una rete di 100 Consulenti con un piano di investimenti specifico e masse aggiuntive (AUM) per oltre 700 milioni.

Per quanto riguarda i crediti, Banco Desio stima che nel triennio gli impieghi crescano specificamente nei seguenti comparti: mutui ipotecari residenziali (+29%), prestiti verso le PMI (+17%), credito agrario, prestiti CQP-CQS.

Con riferimento ai Crediti Non Performing, è previsto un programma di ulteriori cessioni.

Il Piano prevede inoltre continuità nella politica di acquisizione di funding retail “nelle forme dei Time Deposit e dei Prestiti Obbligazionari Senior, supportata da una precisa politica di funding strutturale Istituzionale basata sul collocamento revolving (mediamente ogni 18-24 mesi) di Covered Bond”.

Viene peraltro prevista l’attivazione e il mantenimento di un EMTN (Euro Medium Term Notes) Program.

“In uno scenario di margini finanziari strutturalmente compressi, la business line dell’Intermediazione rappresenta la sfida strategica costante del Gruppo per lo sviluppo del margine da servizi; il necessario sviluppo delle masse sarà supportato da un potenziamento della macchina commerciale che si realizzerà, da un lato, attraverso la progressiva conversione del personale amministrativo di Filiale (a seguito dei processi di digitalizzazione/automazione) e l’impianto della Rete di Consulenti Finanziari,
dall’altro, attraverso il potenziamento dei servizi di Wealth Management e dell’offerta di servizi alla clientela quali il credito al consumo e il risparmio gestito, spiega poi Banco Desio.

Per quanto concerne le crescite patrimoniali, i crediti lordi a clienti dovrebbero registrare una crescita del +14% (+8% dopo le cessioni di sofferenze); la raccolta diretta è indicata in aumento dell’8%, quella indiretta ordinaria del 19% (di cui risparmio gestito +24%).

A fine triennio, il ROE è stimato all’8%, il ROA allo 0,80%, il cost income allo 62,5%.

Previste inoltre un liquidità a breve e strutturale ben oltre il 100%. Il CET1 (fully phased) è stimato al 12%, il Total Capital Ratio (fully phased) al 12,6%. Il rapporto Sofferenze nette/Crediti netti è indicato invece al 2,3%.

Banco Desio alza il velo sul Piano Industriale 2018-2020