Banco BPM, nei nove mesi utile netto balza a 525 milioni

(Teleborsa) – Conti positivi per il Banco BPM nei primi nove mesi del 2018, con un margine di interesse pari a 1.737,9 milioni e un utile netto in aumento a 524,5 milioni di euro, rispetto al risultato netto di 52,7 milioni realizzato nel corrispondente periodo dello scorso esercizio.

Solida la posizione patrimoniale, con il Common Equity Tier 1 ratio (CET1 ratio phased in) al 13,2% rispetto al 12,9% del 30 giugno 2018, “nonostante l’impatto negativo dei titoli governativi”, con il Cet1 ratio Ifrs9 fully phased all’11,2%.

Prosegue l’importante azione di derisking, che ha consentito al Gruppo di ridurre significativamente l’ammontare lordo dei crediti deteriorati (-11,5 miliardi), del 30,0% rispetto al 31 dicembre 2017 per effetto principalmente dell’operazione Exodus e delle rettifiche IFRS 9, oltre all’importante attività di work-out. Anche grazie a tale operazione lo stock delle sofferenze nette è sceso a 3,5 miliardi, con un’incidenza sul totale degli impieghi del 3,3%, rispetto al 6% registrato al 31 dicembre 2017.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banco BPM, nei nove mesi utile netto balza a 525 milioni