Banco BPM corre in Borsa: requisiti patrimoniali oltre target BCE

(Teleborsa) – Ottima giornata per Banco BPM che oggi sale del 4,26% in Borsa, risultando uno dei migliori titoli del FTSE MIB, il paniere delle società a grande capitalizzazione.

Venerdì sera la banca ha comunicato che i test Srep (Supervisory Review and Evaluation Process) condotti dalla BCE in qualità di organo di vigilanza, hanno indicato che la banca nata dalla fusione di Banco Popolare e BPM rispetta ampiamente i requisiti patrimoniali: l’Eurotower per il 2017 ha indicato un target prudenziale per il CET1 pari all’8,15% ed un Total Capital ratio all’11,65%.

La banca “supera ampiamente tali requisiti prudenzial” in quanto vantava al 31 dicembre 2016 un Common Equity Tier 1 ratio proforma pari al 12,30% in termini phase-in (11,42% in ottica fully phased) e un Total Capital ratio pari al 14,94% in termini phase-in (13,84% in ottica fully phased). Ciò senza considerare l’effetto positivo di alcune poste, fra cui i dividendi dlele partecipate.

Frattanto, prende il via oggi per concludersi il 3 marzo 2017, salvo chiusura anticipata, l’offerta in Borsa delle azioni di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano che sono state oggetto di recesso dopo la fusione che ha portato alla creazioni di Banco BPM. L’offerta in Borsa avrà ad oggetto complessivamente 65.289.263 azioni Banco BPM.

Tornando alla performance borsistica, a livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all’insegna del toro con resistenza vista a quota 2,283 e successiva a 2,359. Supporto a 2,207.
Le indicazioni non costituiscono invito al trading.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banco BPM corre in Borsa: requisiti patrimoniali oltre target BCE