Banche, Visco: “Momento difficile, non escluso intervento pubblico”

il governatore della Banca d’Italia ha riconosciuto i rischi di un effetto contagio in Europa

(Teleborsa) – In aiuto delle banche italiane non si può escludere un intervento pubblico. E’ quanto ha dichiarato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, pur precisando che il tema delle sofferenze bancarie “è un problema serio”, ma “non c’è emergenza”.

“Non è corretto parlare del problema dei crediti deteriorati come di un’emergenza per l’intero sistema bancario italiano”, ha spiegato il banchiere, “il problema è serio, ma può essere gestito”.

“Non sottovalutiamo – ha sottolineato il governatore – i segnali di preoccupazione, il nervosismo che provengono dalla situazione dei mercati finanziari e interessano le banche italiane. Insieme con le altre autorità stiamo agendo con determinazione per promuovere efficaci interventi di mercato”.

Visco ha affrontato anche la questione Brexit, sottolineando che le sue conseguenze colpiscono l’Europa in un “momento difficile” e in questa situazione “rischiano di alimentarsi sentimenti già diffusi di insoddisfazione nei confronti del progetto europeo”.

“La ripresa economica – ha spiegato l’inquilino di Via Nazionale  – si è avviata, ma è fragile; la disoccupazione rimane elevata. L’inflazione resta molto bassa, lontana dai livelli coerenti con la definizione di stabilità dei prezzi”.

“In questo contesto – ha aggiunto il governatore – diviene ancora più necessario evitare che ulteriori ritardi nell’introduzione di strumenti di intervento sovranazionali aggravino la situazione di vulnerabilità dell’area e rendano più difficile reagire adeguatamente agli choc e contrastare l’insorgere di effetti di contagio”.

Banche, Visco: “Momento difficile, non escluso intervento pubblico”
Banche, Visco: “Momento difficile, non escluso intervento p...