Banche, Visco: crisi inevitabile dovuta a recessione

(Teleborsa) – “A determinare l’evoluzione del sistema finanziario italiano, non è stata una vigilanza disattenta, ma la peggiore crisi economica nella storia del nostro paese. La mala gestio di alcune banche, comunque, c’è stata”.

Così il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel suo intervento davanti alla Commissione bicamerale d’inchiesta sul sistema bancario, parla di una crisi delle banche “inevitabile” causata in primo luogo dalla doppia recessione che ha colpito l’economia. Teoria sostenuta in precedenza anche dal ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan: “gli effetti sul sistema banche, non sono da ascrivere soltanto alla crisi finanziaria globale e, a quella del debito sovrano, ma più direttamente alla conseguente recessione economica”. 

Per il numero uno di Via Nazionale, dunque il “forte deterioramento” degli attivi delle banche e le crisi degli ultimi anni sono l’inevitabile conseguenza della duplice, profonda recessione che ha colpito l’economia italiana. La crisi economica ha fatto “esplodere situazioni patologiche”

Per molti risparmiatori coinvolti nel crac di alcune banche italiane – ha sottolineato Visco – le perdite sono state “diffuse e dolorose. E’ questa una spinta a cercare di migliorare la nostra azione in ogni modo possibile”. Nell’azione di Bankitalia, “abbiamo agito con il massimo impegno e nell’esclusivo interesse del Paese. Abbiamo affrontato molte difficoltà, riuscendo a superarne tante nei limiti delle nostre competenze e del nostro mandato”. 

Banche, Visco: crisi inevitabile dovuta a recessione