Banche, prestiti in lieve calo a maggio. Nuova impennata delle sofferenze bancarie

(Teleborsa) – Andamento dimesso per i prestiti bancari che segnano un piccolo rallentamento a giugno, evidenziando un calo dello 0,3% dopo il +0,2% di maggio.

Lo rivela l’ultimo rapporto dell’ABI, che segnala però una tenuta migliore dei prestiti a famiglie e imprese (-0,04% a 1.417,5 miliardi). In particolare i prestiti alle famiglie sono saliti dell’1,5% e quello alle imprese dello 0,3%.

Per effetto dell’andamento debole del mercato, i tassi di interesse sui prestiti sono scesi al minimo storico del 3,02%,(erano al 6,18% nel 2007 prima della crisi). Anche i tassi d’interesse sui mutui calano ancora, attestandosi su un nuovo minimo di sempre del 2,21%, rispetto al 2,25% del mese precedente.

In fase calante la raccolta bancaria, che scende dell’1,1% a 18,2 miliardi, soprattutto a causa delle obbligazioni (-15,1%, mentre resta positivo il trend dei depositi (+3,4%). 

Ancora in peggioramento le sofferenze bancarie, che toccano a fine maggio gli 85 miliardi netti, confermando un aumento di 1,5 miliardi (+1,8%) rispetto allo stesso mese del 2015.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Banche, prestiti in lieve calo a maggio. Nuova impennata delle soffere...