Banche, Nicastro: “le 4 banche risanate andranno in asta a febbraio”

(Teleborsa) – Parla per la prima volta Roberto Nicastro, neoeletto presidente delle 4 fortunate banche che hanno beneficiato del salvataggio del Fondo di risoluzione delle crisi bancarie, il quale ha ammesso: “Stiamo lavorando in un contesto fortissimamente vincolato dai paletti posti dall’Unione europea”. 

Nicastro in conferenza stampa ha affermato che le quattro banche risanate (Banca Marche, Banca Etruria, Cariferrara e CariChieti), ribattezzate “good bank”, sono ora solide, sicure e pronte per essere cedute. Le quattro banche in questione – ha aggiunto vantano oltre un milione di depositanti e circa 250 mila PMI, mentre i problemi di pagamenti degli stipendi ai dipendenti, di cui si è parlato è da attribuire esclusivamente di problemi tecnici e “difficolta’ operative”.

Sono già arrivate anche delle manifestazioni d’interesse per queste banche, ha detto il banchiere, secondo il quale tale interesse è una conferma della loro attrattività dopo il risanamento. Tali offerte sono giunte dall’Italia e dall’estero e riguardano sia i singoli Istituti sia tutte le banche “in blocco”.

Nicastro ha comunque precisato che si deciderà nei prossimi mesi se cedere le banche in blocco o singolarmente, dato che dipenderà dalla tempistica imposta dall’UE ed anche dal fatto che le banche in questione “presentano importanti sinergie” ed un posizionamento geografico complementare. 

Nicastro ha poi preannunciato che è prevista per febbraio 2015 l’asta pubblica per la cessione delle 4 good bank. L’asta, che seguirà lo scorporo delle bad bank previsto per gennaio, sarà supportata da un unico advisor o team di advisor. Per quanto concerne i requisiti dei partecipanti, non sono stati ancora definiti, ma dovrebbero comprendere banche italiane medio-grandi, banche straniere e grandi società di private equity.

Banche, Nicastro: “le 4 banche risanate andranno in asta a ...