Banche, la BCE irrigidisce le regole sul trattamento dei nuovi NPL

(Teleborsa) – Arriva una nuova stretta della BCE sulle sofferenze delle banche. L’Istituto di Francoforte ha pubblicato oggi le nuove linee guida sugli NPL, in base alle quali  chiederà alle banche dell’Eurozona di portare gli accantonamenti sui crediti deteriorati al 100% in modo progressivo a partire dal 1° gennaio 2018. La misura riguarderà i nuovi NPL non lo stock già esistente nei bilanci che ammonta a quasi mille miliardi di euro. 

Nel dettaglio, la copertura totale dei crediti non garantiti avverrà nell’arco di due anni, cioè il 50% l’anno, mentre per i crediti garantiti avverrà in sette anni, cioè il 14% l’anno. 

La Banca centrale chiede anche che le banche “motivino di fronte alle autorità di vigilanza qualsiasi scostamento rispetto alla nuova guidance”, recita una nota della Bce. In base alle spiegazioni delle singole banche, la Bce valuterà se sarà necessario prendere ulteriori misure sulla supervisione.

“Sulla base delle motivazioni addotte, la BCE valuterà quindi la necessità di misure di vigilanza aggiuntive”, informa una nota dell’Istituto di vigilanza, che ha intenz9ione di continuare a chiedere alle banche con elevata esposizione (Npe ratio) un’accelerazione della cessione di crediti dubbi.

Banche, la BCE irrigidisce le regole sul trattamento dei nuovi NPL
Banche, la BCE irrigidisce le regole sul trattamento dei nuovi NP...